Una visita speciale alle case di terra
La trasmissione tv Sereno Variabile fa tappa all’Ecomuseo
25 aprile 2018
La Sibilla delle erbe all’Ecomuseo
10 maggio 2018
Mostra tutto

Una visita speciale alle case di terra

E’ stata una visita “speciale” quella di martedì 17 aprile: a scoprire le case di terra di Villa Ficana sono arrivati i ragazzi del Centro Diurno Psichiatria di Macerata, accompagnati dalle operatrici del centro.

Dopo le presentazioni tra i volontari e i visitatori, è iniziato il giro del borgo. L’interesse e la curiosità sono cresciuti col procedere della visita, soprattutto quando dopo i cenni storici abbiamo mostrato loro l’interno di una casa di terra allestita com’era agli inizi del 1900.

Alcuni hanno riconosciuto degli oggetti che usavano in famiglia, come ad esempio il “prete” e la “monaca” usati per scaldare il letto,  e hanno cominciato a raccontare di come lo usavano e dei ricordi ad esso legati.

A seguire, è stata preparata una dimostrazione pratica. In un contenitore sono state mescolate acqua, terra e paglia, ossia i materiali usati  per la costruzione delle case del borgo.

L’impasto è stato lavorato a mano da noi volontari, poi abbiamo chiesto ai visitatori di provare: inizialmente titubanti, è bastata l’audacia di uno di loro per trascinare tutto il gruppo nell’attività. Tutti si sono letteralmente sporcati le mani, concentrandosi sulle sensazioni che dava loro il contatto con quel materiale naturale, fresco, morbido e malleabile.

In quel momento i loro sguardi sono divenuti molto più espressivi, e i loro volti si sono lasciati andare anche a sorrisi e risate: era possibile vedere la sorpresa e la meraviglia, a volte anche un po’ di timore, insomma, le emozioni proprie di chi fa un’esperienza nuova.

Per noi volontari è sicuramente stata un’occasione per osservare con occhi nuovi e diversi il borgo in cui lavoriamo tutti i giorni, un’occasione per ricordare che ci si può stupire anche delle cose più semplici se viste da un’altra prospettiva.

Grazie per esserci venuti a trovare, è stata davvero un’esperienza speciale!

Articolo di Lorenzo Bracalente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *