Terra Cruda: dalle case museo alla bioedilizia
Esito del bando Atterrati!Call for Art 2019/2020
13 Novembre 2019
Orario delle feste
12 Dicembre 2019
Mostra tutto

Terra Cruda: dalle case museo alla bioedilizia

Sabato 23 Novembre presso il centro informativo Tipico Tips di Macerata si è svolta l’inaugurazione della mostra Case Museo in terra cruda, organizzata dall’Ecomuseo Villa Ficana in collaborazione con Terra Migaki Design e patrocinata dai Comuni di Macerata e Treia, entrambi soci dell’Associazione Città della Terra Cruda, partner sostenitore del progetto LA TERRA E’.

Il percorso espositivo, composto da 32 pannelli, evidenzia l’importante presenza delle case museo in terra cruda in tutto il mondo, alcune delle quali – come Villa Ficana – sono anche un Ecomuseo.

L’esposizione inizia con una finestra sul mondo, a partire da Cina e Giappone, fino ad arrivare al continente Europeo con Spagna e Germania. Il viaggio si conclude con i pannelli che riportano gli esempi italiani sparsi in tutta la penisola: dalla Lombardia alla Sardegna, dall’Umbria alla Toscana.

L’ inaugurazione della mostra ha visto la presenza di Sergio Sabbadini del Team Terra Migaki Design, Anna Paola Conti Architetto e Presidente del Comitato Scientifico dell’Ecomuseo Villa Ficana, Martina Fermani Coordinatrice dell’Ecomuseo Villa Ficana, Daria Carpineti giovane artista e studentessa dell’Accademia delle Belle Arti di Macerata, Stefania Monteverde Assessore alla Cultura e Vicesindaco del Comune di Macerata e di curiosi e studenti.

Uno sguardo più approfondito sull’argomento è stato quello di Sergio Sabbadini, architetto specializzato in Tecnologie ecologiche ed alternative in edilizia”, che con passione e chiarezza ha esposto i casi più significativi e particolari, raccontando il lavoro svolto da Terra Migaki Design. La mostra documentaria itinerante infatti è stata presentata in occasione del Fuorisalone di Milano ed è patrocinata dalla cattedra UNESCO per il suo approfondimento sul tema che fa riferimento alle categorie Demhist sulle case-museo e al patrimonio mondiale in terra cruda. Il lavoro, completo per quanto concerne il patrimonio italiano, è all’oggi una ricerca in itinere per gli altri contesti internazionali.

La mostra, inoltre, ha ospitato le opere Terre Emerse – Eco Sculture in terra cruda di Daria Carpineti. La giovane e intraprendente artista ha raccontato di come la terra fa parte della sua vita e della sua arte mostrando anche il legame che ha con il territorio in cui vive e lavora.

L’opera che cattura di più l’attenzione è quella in cui Daria esprime il suo legame artistico con il territorio e allo stesso tempo mostra gli svariati e particolari usi della terra: si tratta di una serie di pigmenti ottenuti dalla lavorazione di terre locali tramite un lungo e articolato processo, frutto di un’ispirazione nata dallo studio di un trattato di Cennino Cennini.

La mostra unisce architettura e scultura in un solo luogo così da fondere queste due anime in una sola esposizione e allo stesso tempo dà una visione internazionale dell’uso della tecnica costruttiva in terra cruda e delle sue peculiarità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *