Villa Ficana ospite all’ Ecomuseo di Cervia
Orario Pasqua 2018
29 marzo 2018
Storie di recuperi architettonici in terra cruda al seminario di Mogliano
18 aprile 2018

Una giornata ricca di incontri e di progetti per il futuro, oltre che di conoscenza reciproca e simpatia è stata quella trascorsa presso l’ Ecomuseo del Sale e del Mare di Cervia giovedì 5 aprile; abbiamo raccontato la storia e il lavoro del nostro Ecomuseo Villa Ficana durante l’incontro per facilitatori organizzato dall’ Ecomuseo di Cervia, abbiamo parlato di progetti futuri, di idee e di come possiamo continuare  a migliorare le nostre attività sul territorio.

Ospite della giornata è stata Martina Fermani, coordinatrice dell’Ecomuseo Villa Ficana, che ha raccontato l’esperienza delle associazioni OZ e Gruca Onlus nella gestione delle attività e dei volontari del Servizio Civile Nazionale e del Servizio Volontario Europeo, importantissimi attori di questo progetto, nato a Macerata nel 2016.

Chi è un facilitatore?

Il Facilitatore Ecomuseale è essenzialmente un motivatore, un conduttore, un custode, un narratore: coltiva relazioni, trasporta saperi, trasferisce emozioni, fa mergere valori, rende visibili i significati, genera consapevolezza, accompagna l’esperienza curiosa di un territorio e di una comunità. E’ detentore di una propria dote formativa, esperienziale e creativa che mette a disposizione attraverso racconti, percorsi, laboratori, eventi per valorizzare e promuovere patrimoni diffusi e beni comuni.

Un caloroso ringraziamento a tutti coloro che hanno partecipato all’incontro e al Comune di Cervia che ha reso possibile tutto ciò.

Alcune informazioni sulla Città di Cervia:

Il Comune di Cervia è situato in una parte meravigliosa della costa Adriatica,a 20 km a sud di  Ravenna, con un litorale di 10 km caratterizzato da un arenile di sabbia finissima e da bassi fondali. L’antica città del sale, il vecchio borgo di pescatori e le ampie distese della secolare pineta, si sono trasformate in funzione di uno sviluppo turistico che si è realizzato in modo pionieristico già dalla fine dell’800. Il sale ha accompagnato la storia di Cervia, le sue architetture e ne ha fatto nascere i suoi prodotti più tipici: il sale dolce, il miele di pineta e i vini di sabbia. L’antico ciclo del sale è testimoniato dalla Salina Camillone e dai seicenteschi Magazzini ove si trova il Museo del Sale.
Le saline di Cervia, porta di accesso a sud e stazione del Parco Regionale del Delta del Po, è considerata un ambiente di elevatissimo interesse naturalistico e paesaggistico, tanto da essere stata inserita come Zona Umida di Importanza Internazionale nella convenzione di Ramsar. Dal 1979 è divenuta Riserva Naturale dello Stato di popolamento animale.

 

Immagini del viaggio: un pò di Cervia, l’incontro nella biblioteca della città, la passeggiata nelle saline, un giro in spiaggia  a Rimini e una capatina a Ravenna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *